“Ma nemmeno l’acqua?” Le domande più frequenti sul Ramadan.

Digiunare nel mese di Ramadan è uno dei cinque pilastri dell’Islam e, anno dopo anno, aumenta la curiosità e quindi le domande a proposito di questo mese di cui si sente parlare.

Le domande su Ramadan sono più o meno le stesse, così abbiamo pensato di rispondere in maniera semplice per diffondere le informazioni ai più curiosi!

Condividi l’articolo così avrete già risposto a tutte le domande che vi vengono fatte!

 

Perché ogni anno il Ramadan è in un periodo diverso dell’anno?

Il mese di Ramadan è uno dei mesi che compone il calendario islamico. Questo segue le fasi lunari, infatti, i mesi lunari sono più corti di quelli del calendario solare. Per questo ogni anno il Ramadan “scala” di circa 10 giorni dall’anno precedente, quest’anno per esempio è iniziato il 13 aprile e nel 2020 era iniziato il 23 aprile e così via. Ai musulmani capiterà di digiunare in tutti i periodi dell’anno durante la loro vita. 

Tutti i musulmani devono digiunare?

Il digiuno è un precetto islamico che fa parte dei cinque pilastri dell’Islam, quindi è molto importante da seguire. Le persone tenute a digiunare sono coloro che hanno raggiunto la pubertà e l’età adulta. I bambini lo fanno come “allenamento” ma non sono obbligati, di solito fanno delle mezze giornate solo per prova. Sono esenti dal digiuno le persone malate, gli anziani e chi è in viaggio. Le donne che hanno il ciclo non devono digiunare durante quei giorni, recupereranno le giornate in cui non hanno digiunato una volta finito il Ramadan in modo autonomo entro il Ramadan successivo. Infine, le donne che allattano e le donne in dolce attesa possono esentarsi dal digiunare sempre recuperando i giorni mancanti durante l’anno.

Qual è l’orario in cui si deve digiunare?

Durante il mese di Ramadan non è permesso: mangiare, bere, fumare e avere rapporti sessuali. Si devono rispettare queste regole da poco prima che sorga il sole a quando questo tramonta. Gli orari cambiano di giorno in giorno e si possono trovare facilmente online, variano in base al paese e alla città in cui vivi. Si trovano generalmente nelle App dove ci sono gli orari delle cinque preghiere giornaliere (per esempio MuslimPro).

Durante il digiuno si raccomanda anche di non litigare o discutere animatamente con chi ti sta attorno e di evitare di dire parolacce, questo fa parte dell’autocontrollo del fedele. 

Che cosa significa fare il ramadan?

Fare il Ramadan significa innanzitutto obbedire ad Allah (a Dio) e, inoltre, insegna la disciplina e l’autocontrollo dei propri istinti. Sicuramente fa anche pensare a tutte le cose per cui essere grati tra cui, banalmente, avere sempre del cibo a disposizione e riuscire a soddisfare all’istante i propri bisogni. Il mese di Ramadan è quindi un allenamento che dura 29/30 giorni nei quali si apprendono nuove buone abitudini da portare con sé per il resto dell’anno.

Che cos’ha di particolare questo mese?

Ramadan è il mese sacro per i musulmani e ha molte particolarità: si mangia insieme con la famiglia nello stesso momento, si prega insieme e più del solito, c’è la veglia notturna e la lettura del Corano del quale di solito se ne legge un capitolo al giorno per riuscire a concluderlo con la fine del mese. Inoltre, in questo mese, speciale a tutte le buone azioni vengono raddoppiate le ricompense per questo è consigliato fare opere buone come per esempio: offrire donazioni ai bisognosi, nutrire un vicino in difficoltà, riparare i rapporti con le persone e stringere il proprio legame con Dio. A Ramadan le persone frequentano maggiormente e giornalmente le moschee e i luoghi di culto, ci si sente parte di una comunità e si riesce ad avere questo senso di unione tra i fedeli.

Condividi l’articolo così avrai già risposto a tutte le domande che ti vengono fatte!

Hai altre domande che ti fanno? Hai altre domande da fare? Scrivicelo qui nei commenti.

Buon inizio Ramadan dal team Shali

www.shalishop.it

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento